1 Ottobre 2022

Musica: standing ovation per Riccardo Muti al Ravello Festival

Standing ovation e 5 minuti di applausi per Riccardo Muti ieri sera al Ravello Festival

Il pubblico ha salutato l’Orchestra giovanile Luigi Cherubini con lunghissimi applausi e standing ovation. Muti: “siamo il paese della musica o della storia della musica?”

Sul parquet dell’Auditorium “Oscar Niemeyer” con l’Orchestra giovanile Luigi Cherubini, Muti ha scelto per Ravello e il tour estivo un programma con pagine poco conosciute ma di grande impatto emotivo, le medesime che abbiamo visto caratterizzare la serata dello scorso 21 luglio a Ravenna: la Sinfonia in do maggiore op.37 “Roma” di Bizet, Il lago incantato, poema sinfonico op.62 di Ljadov e Les Préludes, S 97. Poema sinfonico n.3 da Alphonse de Lamartine di Liszt. Per Muti e la sua Orchestra giovanile cinque minuti di applausi e con una standing ovation “placata” solo dal bis, l’Intermezzo di Fedora di Umberto Giordano.

Il saluto del Maestro Muti

Prima di congedarsi il Maestro ha parlato al pubblico di Ravello per ribadire, ancora una volta, la necessità di interventi seri per la musica, la cultura e soprattutto per i giovani: “Questi ragazzi sono il meglio dei nostri conservatori – dice il maestro – se si sono diplomati con il massimo dei voti, la loro aspirazione è trovare una sistemazione in questo mondo non solo per vivere, ma anche per fare cultura e trasferirla a voi. Molti di loro però hanno avuto la disgrazia di nascere in posti sicuramente belli, perché l’Italia è tutta meravigliosa, ma che non hanno orchestre, teatri, teatri di prosa e quindi non hanno un futuro. Il nostro paese ha una storia artistica importantissima, non importante. Questi ragazzi sono una piccola espressione numerica della qualità che c’è in Italia e sono parte di quelle persone che possono diffondere la nostra cultura ma che non hanno molte possibilità. Dico queste cose con amarezza. Siamo il paese della musica o della storia della musica?“, ha chiosato.

Nel finale Muti ha lasciato spazio per un applauso particolare a due musicisti ucraini parte dell’orchestra “perché la musica unisce”, ha aggiunto, concludendo in napoletano: “Per chi ‘o ccapisce”, strappando un’ultima risata al pubblico. 

(Fonte: AdnKronos)