NEWS > 10 Gennaio
DUEMILA23

Norvegia: l’iconico ristorante Noma annuncia chiusura, costi insostenibili

Noma , uno dei ristoranti più celebrati al mondo, chiuderà i battenti alla fine del prossimo anno. La motivazione sta...

IN QUESTO ARTICOLO

Noma , uno dei ristoranti più celebrati al mondo, chiuderà i battenti alla fine del prossimo anno. La motivazione sta nell’ormai insostenibile aumento dei costi. Noma, inaugurato una ventina di anni fa e ritenuto l’inventore della  New Nordic Cuisine, è stato in cima alla lista dei 50 migliori ristoranti del mondo cinque volte, l’ultima nel 2021 . Dopo anni passati a servire piatti a base di ingredienti locali – dalla crema pasticcera al cervello di renna con polline d’api al gelato di mele cotogne e riso fermentato con caramello di ostriche – l’avventura a tre stelle Michelin dello chef René Redzepi è destinata a concludersi alla fine del 2024. L’anno successivo rinascerà, ma come un “laboratorio gigante”, soprannominato Noma 3.0.
”Sarà una cucina di prova pionieristica dedicata al lavoro di innovazione alimentare e allo sviluppo di nuovi sapori, che condividerà i frutti dei nostri sforzi più ampiamente che mai”, ha dichiarato il ristorante in una nota sul suo sito web.
“Il nostro obiettivo è creare un’organizzazione duratura dedicata a un lavoro pionieristico nel settore alimentare, ma anche ridefinire le basi per un team di ristoranti, un luogo in cui puoi imparare, puoi correre dei rischi e puoi crescere!”, si legge ancora nella nota. Noma 3.0 è stato in fase di progettazione negli ultimi due anni, un periodo durante il quale molti nel settore sono stati duramente colpiti .
“Se la pandemia ci ha insegnato qualcosa, è quanto possano essere fragili i nostri sogni, quanto incredibilmente estenuante e difficile possa essere questo settore”, ha detto Redzepi dopo aver ricevuto il premio per il miglior ristorante del mondo nel 2021. Accennando al cambio di direzione di Noma allora, ha detto che il team ha “passato l’ultimo anno e mezzo sognando qualcosa. Ora andremo a costruirlo”.

CONDIVIDI

Leggi Anche